L’importanza della socializzazione tra cani

socializzazione tra cani

Tutti i proprietari di cani dovrebbero prestare attenzione alla socializzazione tra cani. Ecco i consigli di Oasi della Luna Rossa.

Soprattutto da cuccioli i nostri puppy hanno bisogno di socializzare con altri simili. La socializzazione tra cani, infatti, permette di sviluppare il proprio carattere e crescere in maniera equilibrata. In un certo senso rappresenta un momento di educazione per il nostro amico a quattro zampe.

Questo processo inizia già nel contesto della cucciolata, assieme agli altri fratellini e con la mamma ma nel momento in cui viene allontanato dalla cucciolata è il padrone a doversi preoccupare di questo aspetto.

Ma in che modo? Noi di Oasi della Luna Rossa abbiamo dedicato questo approfondimento proprio a questo argomento. Continua a leggere per tutti i consigli.

La prima socializzazione

Il periodo tra l’ottava e la sedicesima settimana di vita è tra i più importanti per lo sviluppo del cucciolo dal punto di vista comportamentale.

In questo periodo infatti sono come dei bambini ovvero delle spugne, che apprendono dalle esperienze e dal contatto con altri simili. Le relazioni che si sviluppano in questo periodo sono pertanto importanti perché portano il cucciolo a catalogare una situazione come buona o cattiva.

Come abbiamo già accennato la fase di socializzazione tra cani inizia proprio all’interno della cucciolata, con la mamma che supervisiona i giochi, le zampate e i morsi tra i piccoli.

Quando il piccolo viene adottato o comunque viene allontanato dalla madre, è il nuovo padrone a doversi occupare della sua formazione del carattere.

Favorire la socializzazione è chiaramente più semplice tanto più piccolo è il cane.

Come favorire la socializzazione

Il modo più semplice in cui si può favorire la socializzazione tra cani è mettere in atto giochi tranquilli, non troppo aggressivi. Ad esempio, presso il nostro centro di provincia di Vercelli abbiamo a disposizione grandi spazi sia all’aperto che al chiuso in cui in cui i nostri soci umani e pelosi possono incontrarsi e socializzare.

Momenti di gioco e svago non mancano mai a Oasi della Luna Rossa, così come attività sportiva, di addestramento e di educazione, sempre supervisionati dai nostri volontari ed educatori cinofili. Il nostro obiettivo principale è quello di favorire la convivenza tra uomo e cane, aiutando quest’ultimo a sviluppare un carattere educato ed equilibrato nei confronti dei suoi simili e non solo.

Far percepire al nostro amico a quattro zampe come piacevole l’incontro con altri cani è fondamentale per un’esperienza piacevole.

Scopri su più su come possiamo esserti utile nello sviluppare la socializzazione tra cani nel tuo amico peloso. Puoi contattarci cliccando qui.

Come insegnare al proprio cane a nuotare nella nostra piscina per cani

piscina per cani

Vorresti far imparare al tuo cane a nuotare? Ecco tutti i consigli di Oasi della Luna Rossa e come farlo presso la nostra piscina per cani!

Il nuoto è un’attività importante per i cani. Non si tratta infatti solo di un’attività divertente ma anche benefica per la loro flessibilità e mobilità. E iniziare in una piscina per cani sotto alla supervisione di un addestratore professionista è la scelta migliore.

Certo, non tutti i cani sono predisposti al nuoto; anzi ci sono alcune razze che morfologicamente sono poco adatte perché dotate di torace largo e zampe corte che impediscono di galleggiare adeguatamente.

Tra le razzeacquatiche” ci sono:

  • Labrador retriever
  • Golden retriever
  • American water spaniel
  • Barbet
  • Irish Water Spaniel
  • Lagotto romagnolo

Come ogni nuova esperienza anche l’insegnamento del nuoto deve essere graduale e accompagnato dal padrone o da un addestratore. Oasi della Luna Rossa offre anche questo servizio: una piscina per cani tutta dedicata agli amici a quattro zampe e i suoi padroni, per passare momenti di gioco e sessioni di nuoto.

I benefici del nuoto per i cani

Come anticipato prima il nuoto rappresenta un’attività estremamente benefica per il cane, soprattutto per quelli che hanno subito lesioni o interventi e hanno bisogno di effettuare riabilitazione. Il nuoto infatti è uno sport che non grava sulle articolazioni del cane ma rafforza cuore, polmoni e muscolatura.

È particolarmente anche per i cani più anziani, per mantenerli sempre attivi con un’attività non troppo faticosa.

Quando si parla di nuoto per cani è sempre bene iniziare da cuccioli, una volta completate tutte le vaccinazioni del caso. Passo dopo passo assieme alla guida del proprio padrone o dell’addestratore, il cane imparerà a familiarizzare con l’acqua e a diventare un nuotatore provetto. Ecco come.

Come approcciare l’acqua e muovere le prime “zampe”

L’approccio con l’acqua, come detto nel paragrafo precedente, deve essere graduale. È bene scegliere una piscina per cani non troppo profonda e con acqua alla giusta temperatura.  È fondamentale associare l’evento a qualcosa di positivo e all’entusiasmo.

All’inizio possiamo infatti far immergere solo le zampine al cane, facendo lo stesso in modo da dare l’esempio. Una volta ambientato, si guida il cane sempre più al largo, gettando magari un oggetto galleggiante che lo invogli a raggiungerlo, senza scagliarlo troppo lontano.

Per maggiore sicurezza, per i cuccioli o i cani che approcciano per la prima volta l’ambiente acquatico, si può utilizzare un guinzaglio estensibile o una pettorina galleggiante, in modo da sostenere il peso del cane ed evitare che vada a fondo.

La pazienza è tutto; potrebbero volerci anche sei lezioni prima che il cane si abitui e impari a nuotare ma con lezioni costanti si otterranno risultati grandiosi.

Se sei alle prime armi e non sai a chi rivolgerti, non esitare a contattare Oasi della Luna Rossa. Il nostro centro è dotato anche di un’ampia piscina per cani aperta a tutti i soci dell’associazione e usufruibile sia per momenti di svago che per lezioni di nuoto.

Insegna al tuo amico a quattro zampe a nuotare nella nostra piscina per cani. Contattaci cliccando qui.

Agility dog: come e quando iniziare

agility dog

L’esercizio fisico è fondamentale per i nostri amici a quattro zampe e l’agility dog coniuga perfettamente questa esigenza affiancandola al gioco.

L’agility dog è un vero e proprio lavoro di squadra che coinvolge allo stesso modo cane e conduttore, rafforzandone il rapporto.

Così come per l’uomo, anche per il cane l’esercizio fisico è importante e aiuta a prevenire problemi di salute, comportamentali e stimola la loro intelligenza. Per iniziare a intraprendere un percorso di agility dog è infatti indispensabile una buona base di obbedienza e di educazione del cane, il quale deve essere in grado di comprendere i comandi vocali e gesti dati dal padrone.

Se il cane non è mai stato addestrato o non ha mai svolto attività di agility sicuramente la scelta migliore è affidarsi a un centro cinofilo specializzato come Oasi della Luna Rossa.

Il nostro centro, il più grande della provincia di Vercelli, è specializzato in addestramento di base e dispone di un grande spazio dedicato all’attività sportiva per gli amici a quattro zampe.

Ecco, quindi, tutti i consigli dei nostri esperti su come e quando approcciare l’agility dog.

Quando iniziare?

Diversamente da quanto si possa pensare l’agility dog può essere insegnato sia a cani adulti che cuccioli.

Chiaramente più il cane è piccolo e più sarà semplice fargli imparare i comandi. I cuccioli, infatti, a partire dal quarto mese di età, sono più predisposti ad imparare i comandi vocali e il linguaggio del corpo espresso dal proprio padrone.

Se i comandi possono essere impartiti fin da subito, l’attività vera e propria di agility è consigliabile iniziarla dopo che il cucciolo ha compiuto un anno di età. Questo per dare il tempo al fisico del cane di svilupparsi in maniera completa.

Gli esercizi, o per meglio dire i giochi, andranno sempre più crescendo. Quello che l’addestratore deve comunicare al cucciolo è in primo luogo divertimento e felicità in modo che il puppy percepisca questa attività come un momento giocoso e di svago, associato anche a piccoli premi.

Come iniziare a fare agility dog?

L’agility dog, e ancor prima l’educazione del cane, è un’attività che richiede tempo e soprattutto tenacia.

L’inizio sarà senza dubbio difficoltoso e il cane non capirà i vostri comandi ma pian piano l’allenamento darà i suoi risultati. Quando si è alle prime armi, che sia con cuccioli che con cani adulti, un’ottima scelta è rivolgersi a un centro specializzato.

In provincia di Vercelli Oasi della Luna Rossa è uno dei centri più grandi per l’educazione di base e per avviare il proprio cane all’attività sportiva.

Disponiamo infatti di grandi spazi sia all’aperto che al coperto con percorsi di agility composti da slalom, salto in alto, tunnel e cerchi.

Gli addestratori ed educatori della nostra associazione sono mossi da passione, professionalità e soprattutto pazienza. Addestrare il cane, infatti, è un’attività che comprende un percorso a piccoli passi, che parte dall’educazione di base per poi insegnare al cane (e al padrone) ad affrontare nel migliore dei modi un percorso di agility.

Rafforza il rapporto e la fiducia con il tuo amico a quattro a zampe con l’attività di agility dog. Contatta Oasi della Luna Rossa per maggiori informazioni sul nostro servizio.

La pensione per cani nelle vacanze di Natale

2021-11-Pensione-per-Cani-a-Natale-Oasi-della-Luna-Rossa

Hai programmato viaggi e spostamenti durante le vacanze di Natale e desideri un posto sicuro in cui lasciare il tuo amico a quattro zampe? Noi di Oasi della Luna Rossa abbiamo il servizio che fa per te, con una pensione per cani a Vercelli tutta dedicata ai fedeli compagni pelosi. 

Scommettiamo che nella tua città è comparsa qualche luce di Natale e hai anche tu attivato il countdown per l’arrivo di un periodo di riposo dopo un anno difficile, da coronare con un viaggio o qualche giorno di relax fuori porta.

Purtroppo, nel corso delle vacanze, siano esse invernali o estive, si sente parlare con maggior frequenza di un aumento di casi di abbandono degli animali domestici.

In tutta Italia i dati relativi all’abbandono sono piuttosto alti: ogni anno vengono lasciati una media di 50.000 cani e più dell’80% rischia di soccombere per stenti, incidenti o maltrattamenti. L’abbandono di animali domestici è punito dalla legge con l’arresto fino a un anno o con una multa fino a 10.000 euro.

Diciamo stop all’abbandono per consentire anche agli amici pelosi di godere di gioia, benessere e salute, in ogni momento dell’anno.

In tuo soccorso durante le vacanze di Natale, e durante tutto l’anno, lo staff esperto e qualificato di Oasi della Luna Rossa con un servizio di asilo e pensione per cani, dove potrai lasciare i tuoi amici pelosi per tutto il periodo della tua assenza.

I vantaggi della pensione per cani

Per alcuni cani una tradizionale pensione per cani può essere la soluzione migliore. La nostra pensione per cani è pronta a soddisfare elevati standard di benessere degli animali.

Un ottimo posto per i cani che amano giocare con gli altri. Prima di prenotare, avrete la possibilità di visitare il posto dove il tuo cane soggiornerà.

Forniamo ai cani un posto tranquillo e pulito, per garantire corse e giochi all’esterno diverse volte al giorno.

Pensione per cani a Vercelli

La nostra struttura di Oasi della Luna Rossa è immersa nel verde ed è circondata da numerosi spazi esterni dove i cani possono muoversi liberamente, correre e giocare con altri cani ospiti della pensione.

Un vero e proprio villaggio turistico pensato per tutte le esigenze dei cani e per consentirgli di divertirsi durante tutto il giorno e di stare al caldo durante le giornate più fredde.

Gli ambienti interni infatti sono totalmente riscaldati per garantire ai cani il massimo comfort per affrontare la stagione fredda. La struttura gode anche di una zona notte capiente e confortevole per far riposare il tuo cane.

Affidati al personale qualificato di Oasi della Luna Rossa

Passione, pazienza e professionalità: questi i punti di forza che caratterizzano il personale dell’Oasi della Luna Rossa.

Il nostro team è composto da addestratori, educatori, dog sitter e in generale persone con una grande passione per questo lavoro e amore per i cani.

Il tuo cane non solo avrà la possibilità di passare un breve periodo nella pensione in attesa del padrone, ma grazie anche al nostro personale qualificato il tuo cane potrà divertirsi e imparare la socializzazione con gli altri cani.

Contatta la nostra pensione per cani per far passare al tuo amico a quattro zampe un Natale sereno e divertente in tua assenza!

Fisioterapia per i cani: le informazioni utili

2021-11-Oasi-della-Luna-Rossa-Fisioterapia-Cani

La fisioterapia da anni è un ramo della medicina che sta acquisendo sempre più importanza. Oltre che per la riabilitazione a seguito di incidenti o interventi chirurgici, si presenta come soluzione per combattere e rimuovere le patologie che impediscono un normale movimento di muscoli e articolazioni.

È molto utile per il benessere dell’organismo fisico di un essere umano ma anche per quello degli amici a quattro zampe.

Offre pronte risposte anche per combattere tutte quelle disfunzioni che impediscono a un cane di muoversi come dovrebbe e vorrebbe. Per fare un esempio delle patologie comuni che si possono combattere con la fisioterapia dei cani, è l’artrite.

Scopriamo nel corso dell’approfondimento di oggi di Oasi della Luna Rossa quando è opportuno ricorrere alla fisioterapia per i cani e perché.

Indicazioni terapeutiche: quando è opportuno ricorrere alla fisioterapia canina

Come abbiamo anticipato, la fisioterapia è indicata nel trattamento di diverse patologie.

Principalmente questa pratica si pone come obiettivo la gestione dei disturbi del sistema muscolo-scheletrico, vale a dire muscoli e articolazioni.

Presentiamo alcuni dei casi in cui la fisioterapia per cani può essere considerata una risposta efficace per il trattamento del tuo amico a quattro zampe:

  • Problemi neurologici;
  • Ernia del disco;
  • Patologie a carico delle articolazioni (ad esempio osteoartrite, disallineamenti);
  • Trattamento di disturbi muscolo-scheletrici (ad esempio affaticamento muscolare, strappi muscolari);
  • Pre e post-operatorio (ad esempio dopo incidenti);
  • Aumento della mobilità (ad esempio nei cani anziani o sportivi).

Le tecniche della fisioterapia per cani

Dal momento che le cure veterinarie avanzano e tendono a rispecchiare la medicina umana in termini di opzioni terapeutiche, la fisioterapia è diventato un trattamento sempre più comune per i cani.

L’esercizio strutturato in genere sembra una specialità della riabilitazione che aiuta a supportare il cane attraverso esercizi in clinica e compiti da svolgere ogni giorno tra una sessione e l’altra.

La fisioterapia canina può includere l’utilizzo di fonti di calore, massaggi, esercizi strutturati e altro per curare le malattie come l’artrite, aiutare nel recupero da lesioni o interventi chirurgici e sostenere il benessere generale.

La fisioterapia dei cani è una pratica che può essere svolta seguendo varie tecniche strumentali.

Le principali sono:

  • termoterapia;
  • crioterapia;
  • elettrostimolazione muscolare (teca terapia);
  • ultrasuoni;
  • idroterapia;
  • agopuntura;
  • massaggi;
  • esercizi di propriocezione e di riabilitazione – ad esempio per i muscoli posteriori del cane – da attuare con o senza attrezzi.

Gli animali che possono anche beneficiare della fisioterapia per cani includono quelli con lesioni del midollo spinale e disturbi dello sviluppo, nonché quelli che soffrono di malattie cerebrali, pazienti con condizioni cardiache gravi e cani con lesioni alla spalla e all’inguine.

Se il tuo cane ha subito qualsiasi tipo di chirurgia ortopedica, la visione da parte di uno specialista in riabilitazione dovrebbe essere obbligatoria, sebbene non tutti i chirurghi facciano automaticamente riferimento a uno specialista.

Un discorso applicabile anche nel caso in cui ci si accorge che il cane sta vivendo un momento di sofferenza e i sintomi fanno sospettare un brutto caso di artrite. I cani che soffrono di questa patologia hanno bisogno, oltre che di essere visitati immediatamente, anche di interventi mirati e la fisioterapia per cani può rivelarsi uno strumento assai efficace, in questo senso.

Quali sono i rischi della fisioterapia per cani?

Affidando la riabilitazione del benessere fisico del tuo amico a quattro zampe a un esperto, il rischio di effetti collaterali è molto basso.

Al contrario, l’eccesso di un trattamento nelle parti del corpo che presentano lesioni o traumi, o nel caso in cui la fisioterapia non sia compatibile con il quadro di salute generale dell’animale, c’è il rischio che questi interventi causino danni o provochino reazioni infiammatorie.

Per questa ragione è fondamentale adattare sempre l’approccio fisioterapico allo stato di salute più recente dell’animale.

Cani e bambini: come far nascere una relazione speciale

2021-10-Rapporto-Cani-Bambini-Oasi-Luna-Rossa

I cani sono i migliori amici dell’uomo. Sicuramente avrete avuto il piacere di sentire questo detto famosissimo.

Una frase che è lo specchio di un rapporto speciale tra adulti e amici a quattro zampe ma non solo.

I cani possono diventare fedeli compagni anche dei membri più piccoli di casa, sin dalla tenera età. Quando i bambini stabiliscono un legame affettivo con i cani, questi possono diventare loro partner di giochi e persino confidenti.

Scopriamo nel corso dell’approfondimento di oggi di Oasi della Luna Rossa come far nascere una relazione speciale tra cane e bambino, per ottenere tutti i benefici del rapporto che non trovano fondamento solo nell’aspetto emotivo ma anche nello sviluppo cognitivo infantile.

La presenza dei cani negli ambienti domestici come fonte di valore

Il rapporto tra cani e bambini è benefico fin dalla più tenera età. Gli animali domestici non solo promuovono valori come la responsabilità e contribuiscono a sviluppare l’empatia, ma migliorano anche le funzioni cognitive e le capacità di comunicazione dei bambini.

Che si tratti di cuccioli o di amici a quattro zampe già adulti non c’è differenza: i cani addestrati ed educati, avranno sempre un rapporto speciale con padroni e padroncini. Come nei rapporti umani, si tratta di relazioni che si sviluppano e consolidano con il passare dei giorni.

Proprio per questo è necessario, da parte di entrambi, il rispetto di alcune semplici regole utili ad evitare l’insorgenza di possibili incomprensioni e incidenti.

Il ruolo fondamentale è rivestito dal genitore o dall’addestratore che si occuperà di stabilire regole di base e di trasferire al bambino la consapevolezza e la sensibilità necessarie a vivere in modo autonomo e sereno l’amicizia con il cane di casa.

Le regole per la nascita di un rapporto sano

Un aspetto da non sottovalutare è far comprendere specialmente al bambino e sin dagli inizi, che lui e il suo amico a quattro zampe non sono uguali.

È indispensabile che piccoli imparino questa differenza, ma anche a comportarsi nel modo giusto con il proprio fido. La creazione di una base solida del rapporto risiede proprio nella fase iniziale di conoscenza ed approccio. In questa fase educativa, i bambini imparano dagli adulti a capire come avvicinarsi al cane, come interagire con lui, come interpretare i suoi movimenti.

La relazione tra cani e bambini, se impostata correttamente, diventa fonte di grande serenità, sia per l’animale che per il piccolo, riducendo ogni possibile rischio sull’incolumità di entrambi.

Esistono alcune semplici regole per stabilire una corretta relazione tra cani e bambini. Siamo pronti ora a presentartele.

Evitare la confusione

Compito dell’adulto è quello di dimostrare al bambino che con il proprio cane è importante mantenere calma e pacatezza.

Se il bambino è agitato o in fase “capricci” è molto meglio evitare di avvicinarsi al cane o ancora di più cominciare a giocare con lui.

Importante, soprattutto nella fase di conoscenza, che non si instauri un rapporto forzato.

I cani non amano gli atteggiamenti confusionari, irruenti o comunque “stressanti”. Siccome i bambini in genere sono sempre molto vivaci e ancora non in grado di controllare le proprie reazioni, questa prima regola è veramente molto importante. Quanto più il bambino è tranquillo, tanto più il cane mostrerà interesse nei suoi confronti e sarà ben disposto ad avvicinarsi e fare amicizia.

Lasciare che sia il cane ad avvicinarsi per primo

In un primo momento potrebbe essere il cane a non avvicinarsi al bambino, spaventato da atteggiamenti che non riconosce come propri. Nessuna paura. Lasciate che sia proprio il vostro amico peloso a lasciarsi accarezzare piano piano e fare la prima mossa. Nel frattempo, è importante insegnare ai bambini come avvicinarsi ai cani, in che modo entrare nel loro spazio vitale, lasciandosi annusare, senza mettere la mano direttamente sul muso o sul dorso del cane.

Relazione cani-bambini: fianco a fianco

cani preferiscono che gli si stia accanto, anziché di fronte. Un’interazione “faccia a faccia” non è di certo quello che fa per loro! È preferibile quindi che cani e bambini stiano fianco a fianco, proprio come se fossero due amici che guardano insieme la tv.

Ascoltare i suoi bisogni

bambini sono molto bravi a capire le esigenze dei cani. Sapranno cosa fare per diventare importanti per i loro amici pelosi, come ad esempio dare loro dell’acqua o portarli fuori.

I vantaggi di avere un animale domestico in casa

Avere un cane in casa non significa solamente avere compagnia. Quello che molte persone non sanno o tendono a sottovalutare, quando hanno una famiglia, è proprio il valore aggiunto che può portare un cane all’interno degli ambienti domestici e allo sviluppo del bambino.

  • I cani potenziano l’equilibrio emotivo, riducendo stati quali ansia, depressione e ira. Di fatto, la maggior parte dei bambini parlano con i loro animali perché sono convinti che questi comprendano il loro stato d’animo. Uno studio condotto dalla Fondazione Affinity ha rivelato che il 94% dei bambini riconoscono di sentirsi meglio quando hanno un animale vicino. Per questo motivo ricorrono ai loro animali in cerca di tranquillità e sicurezza quando vivono emozioni quali rabbia, tristezza o frustrazione.
  • Quando l’animale diventa un ulteriore membro della famiglia, il bambino impara a rispettarlo come tale. E impara anche ad accettare le differenze, uscendo dalla visione egocentrica che predomina durante i primi anni dell’infanzia e assumendo un atteggiamento più empatico.
  • Un’altra ricerca realizzata presso l’Università della California ha rivelato che l’inserimento di un cane nei programmi terapeutici per bambini affetti da ADHD (disturbo da deficit di attenzione/iperattività) contribuisce a ridurre i sintomi principali di questo disturbo: impulsività, iperattività e mancanza di attenzione. Inoltre, migliora la fiducia dei bambini e ne rafforza l’autostima.

Se hai bisogno di supporto per educare e addestrare il tuo amico peloso non ti resta che contattare il nostro team di Oasi della Luna Rossa. A tua disposizione un valido centro di addestramento!

Educare e addestrare un cane: quando e come iniziare

2021-10-Educazione-Addestramento-Cane-Oasi-Luna-Rossa

Siete pronti ad accogliere un cucciolo a quattro zampe all’interno di casa. Un momento entusiasmante, un’emozione certamente unica.  Scommettiamo che avete comprato le prime crocchette, posizionato la cuccia e scelto un simpatico giochino, per non far mancare nulla.

È tutto pronto, potrete andare a prendere il cucciolo. Dopo la frenesia dei primi giorni, dettata dal simpatico zampettare sentito mentre si gira per casa, oppure dai gesti buffi del nuovo amico peloso, qualche notte insonne per alcuni, ecco che arriva il momento di porsi la fatidica domanda: come posso fare a educare e addestrare il mio cane?

Noi di Oasi della Luna Rossa, centro di addestramento cani di Vercelli, siamo pronti a presentarti un vero e proprio approfondimento dedicato alla tematica, per risolvere tutti i tuoi dubbi.

Educare e addestrare un cane: che cosa significa

Prima di addentrarci nelle tappe di educazione e addestramento, è opportuno fare delle distinzioni relative alle definizioni educazione del cane e addestramento del cane.

L’educazione del cane può iniziare non appena il cucciolo varca la soglia di casa, mentre è preferibile intraprendere un percorso di addestramento dai 6 mesi, all’interno di strutture apposite e con personale specializzato.

Tra le prime regole da tenere a mente, quando si inizia un percorso di educazione e /o addestramento è il tempo.

Non dimenticare che il tuo cucciolo è come se fosse un bambino. Dare troppi input potrebbe sottoporlo a uno stress controproducente. Il tuo amico a quattro zampe potrebbe rispondere non memorizzando quanto fino ad ora imparato e di conseguenza… fare di testa sua!

Non sempre educare il cane in autonomia può essere facile e immediato. Proprio per questo le figure dell’addestratore e dell’educatore cinofilo si occupano del comportamento del tuo piccolo Amico a quattro zampe. È importante imparare a relazionarsi e ad educare il cane che hai portato a casa, così da avere con lui una vita soddisfacente e senza problemi. Questi professionisti ti insegnano come educare un cucciolo o un adulto, in qualsiasi situazione o condizione.

Risposta alle domande frequenti su addestramento ed educazione dei cani

Quando si può iniziare a educare un cane? La risposta è più semplice di quanto ti aspetti: ogni volta che il cucciolo ha superato le prime fasi del suo sviluppo (periodo neonatale, periodo di transizione e le prime settimane del periodo di socializzazione, tra i 21 giorni e i 4 mesi), possiamo iniziare a educarlo. In questa prima tappa, dobbiamo tener presente che il cane è praticamente ancora un bebè e che le nostre priorità devono essere principalmente quelle di stabilire una buona routine di orari e di fargli rispettare le persone e gli spazi.

Che cosa fare fino alle 8 settimane di vita? Nei primi due mesi di vita l’educazione sarà compiuta di genitori e/o fratelli del cucciolo. È molto importante che la crescita avvenga in un contesto adeguato e che – ovviamente se possibile – il cucciolo non sia mai allontanato dalla famiglia prima del tempo. A partire dai 2 mesi di età, il cane dovrebbe iniziare a conoscere e ad essere esposto in maniera controllata a contesti, stimoli, animali, persone e ad ogni tipo di situazione.  


Come posso coinvolgere il cane all’interno della quotidianità?
Superati i primi due mesi, potrai finalmente dare inizio alla fase di educazione. Quando parliamo di educare, non presupponiamo il fatto che il cucciolo diventa perfetto e non combini guai anzi. Magari il tuo amico a quattro zampe rimarrà affascinato da ciabatte, divani, scarpette e andrà a esplorare tutto ciò che di bello ha intorno.

Sarà tuo compito e quello dell’addestratore, qualora tu decida di rivolgerti a un professionista, di controllare e mostrargli cosa può fare e cosa no, presentargli gli strumenti per la sua vita quotidiana (il parco per i cani, abituarsi a viaggiare in auto, il guinzaglio, la pettorina, etc.), così come il mondo che lo circonda, sempre in maniera positiva, senza stress, né eccessivi stimoli.

Da educazione ad addestramento: che cosa sapere

Una volta superata la fase critica, e anche durante le ultime settimane di questa, possiamo iniziare ad introdurre esercizi come il luring (inseguire il cibo) e le prima posizioni dell’obbedienza (seduto, a terra, resta..) mediante piccoli premi e il linguaggio dei gesti.

Man mano che il cane inizia a maturare, inizieremo a proporre un lavoro di educazione e di addestramento più concreto.In molti aspetti, la sua educazione avrà inizio prima (regole igieniche, passeggiate controllate, etc.) però ora è il momento di creare una buona struttura in tutti questi contesti affinché il cane possa trascorrere le sue giornate con la nostra supervisione.

L’addestramento del cane è utile perché se l’animale vivesse nel suo ambiente naturale, non interagendo in alcun modo con la “cultura” dell’uomo, non avrebbe certamente bisogno di essere educato. Tale necessità sorge quando decidiamo di farlo vivere in un ambiente urbano, con delle regole che non sono quelle della natura ma dell’uomo. In tal caso, considerando che siamo noi a decidere di far vivere il cane secondo il nostro modus vivendi dovremmo sentire anche la responsabilità di spiegargli, con la giusta metodologia ed il giusto linguaggio, quali siano le regole migliori per quel momento.

Vedere un cane che ascolta e risponde agli stimoli risulterà più facile motivare il cane e, a sua volta, sarà più ben disposto a lavorare e ad imparare insieme a noi. Allo stesso tempo, man mano che l’educazione e l’addestramento avanzano, possiamo iniziare ad aumentare il criterio di esigenza, qualcosa che sarebbe ingiusto con un cucciolo, ma che è necessario con i corretti insegnamenti.

Hai domande o vuoi fissare un primo incontro per addestrare il tuo cane? Contattaci senza impegno, saremo felici di rispondere a tutti i tuoi dubbi!